Giro del Centenario 2009 – Columbia-High Road sugli scudi.

La Columbia-High Road si sta dimostrando sempre di più la vera anti-Lpr-Farnese di questo Giro del Centenario. La formazione statunitense si è aggiudicata la settima tappa, la Innsbruck (Austria) – Chiavenna con il norvegese Edvald Boasson-Hagen e l’ottava tappa, la Morbegno-Bergamo, con il bielorusso Konstantin Siutsou. Danilo Di Luca (Lpr-Farnese) resta in Maglia Rosa. La settima tappa si è decisa nella discesa tecnica, resa ancora più insidiosa dalla strada bagnata, del Passo Maloja, situata a 30 km dall’arrivo. Alessandro Bertolni (Diquìgiovanni-Androni) ha allungato nel tratto tecnico, facendosi poi raggiungere nel falsopiano piazzato a 15 chilometri dall’arrivo da Boasson-Hagen, Viganò (Fuji-Servetto), il sudafricano Hunter (Barloworld) ed  il russo Brutt (Team Katiusha). Il gruppo ha lasciato fare e nella volata conclusiva Boasson-Hagen ha avuto facilmente ragione di Hunter e Brutt. Per Viganò e Bertolini quarto e quinto posto finale. Grivko (Isd) a 31" arrivava sesto, mentre il plotone arrivava a 40", regolato dall’australiano Goss (Saxo Bank). Lance Armstrong (Astana) perdeva nella discesa finale altri 18".
La tappa di oggi si  movimentata sul Colle del Gallo, salita di 2°categoria situata ai 30 chilometri dall’arrivo. Uomini di classifica come Leipheimer, Horner, Garzelli, Cunego, Rogers, Arroyo, Pellizotti e la rivelazione Boasson-Hagen hanno provato ad attaccare la Maglia Rosa Di Luca, arrivando fino ad un vantaggio massimo di circa 1′. Ma il lavoro della Lpr-Farnese, della Rabobank di Menchov, della Cèrvelo di Sastre e della Diquìgiovanni-Androni di Simoni ha prodotto il ricongiungimento ai 10 chilometri dall’arrivo. A questo punto in contropiede partiva Siutsou, che guadagnava 30" di vantaggio sul gruppo, sufficienti per permettergli di tagliare il traguardo in solitaria ed aggiudicarsi la tappa. Il gruppo arrivava a 22". Proprio Boasson-Hagen arrivava secondo, precedendo Di Luca ed ancora un atleta del Team Columbia-High Road, l’australiano Micheal Rogers. Importantissimo il terzo posto di Di Luca. Non tanto in quanto impedisce la tripletta Columbia, ma perchè consente al "Killer" di Spoltore di guadagnare 8" tramite l’abbuono al traguardo rispetto agli altri uomini di classifica. Adesso Lpr-Farnese – Columbia-High Road sono sul 3-3. Domani Petacchi e Cavendish hanno l’occasione di "segnare" il punto del vantaggio per le rispettive formazioni, dato che per loro vi è un’occasione da non lasciarsi scappare.La nona tappa si snoderà interamente nel centro di Milano. Ruote veloci, quindi, chiamate in causa.
 
La classifica dopo 8 tappe : (Fonte : www.gazzetta.it)
 
1 DI LUCA Danilo ITA LPR 33:13:35 0:00
2 LOVKVIST Thomas SWE THR 33:13:48 0:13
3 ROGERS Michael AUS THR 33:14:19 0:44
4 LEIPHEIMER Levi USA AST 33:14:26 0:51
5 MENCHOV Denis RUS RAB 33:14:33 0:58
6 BASSO Ivan ITA LIQ 33:14:49 1:14
7 SASTRE CANDIL Carlos ESP CTT 33:14:59 1:24
8 HORNER Christopher USA AST 33:15:00 1:25
9 PELLIZOTTI Franco ITA LIQ 33:15:10 1:35
10 ARROYO DURAN David ESP GCE 33:15:24 1:49
 
La gioia di Boasson-Hagen  (Fonte : www.gazzetta.it)
 
 
L’altimetria della nona tappa, Milano Show 100 (Fonte : www.gazzetta.it)
 
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...