Giro del Centenario 2009 – Sastre concede il bis sul Vesuvio nel duello infinito Menchov-Di Luca

Dopo il successo di Michele Scarponi (Diquìgiovanni-Androni Giocattoli) nella 18°tappa, la Sulmona-Benevento, la 19°tappa, partenza da Avellino con arrivo in salita sul Vesuvio, doveva fornire la penultima occasione per Danilo Di Luca (Lpr-Farnese) di attacco alla Maglia Rosa di Denis Menchov (Rabobank). L’impresa non è riuscita. Di Luca ha provato in tutti modi a piegare la resistenza del russo, ma Menchov si è attaccato come un’ombra all’abruzzese, concedendogli solo il terzo posto finale ed i relativi 8" di abbuono, che fanno scendere il distacco del "Killer" di Spoltore da 26" a 18".
La tappa ha visto due fuggitivi della prima ora : Facci (Quick Step) e l’ucraino Krivtsov (Ag2R-La Mondiale). I due hanno raggiunto circa 6′ di vantaggio, ma l’azione del gruppo, guidato principalmente dalla Lpr ha permesso il ricongiungimento avvenuto ad Ercolano, proprio alle pendici del Vesuvio. Il primo a muovere le acuqe lungo la salita finale è stato Ivan Basso (Liquigas) (dopo una prima accelerazione del suo compagno Agnoli), scattato ai meno 7,5 chilometri. Basso è subito inseguito da Simoni (Diquìgiovanni-Androni Giocattoli), Arroyo (Caisse d’Epargne) e Sastre (Cervèlo). E di questi è proprio l’ultimo, già vincitore della tappa di Monte Petrano, a raggiungere Basso ai -5 e poi a staccarlo ai -4,5. Mentre lo spagnolo si involava verso il bis al Giro, riscttando così l’opaca prestazione del BlockHaus, proprio il vincitore di quella tappa e compagno di Ivan Basso, Franco Pellizotti, si muoveva ai -2 dall’arrivo. Scatto effettuato, forse, più per difendere il terzo posto nella generale dall’attacco di Sastre che per provare ad impensierire Di Luca e Menchov. Grazie al prezioso aiuto di Basso, Pellizotti giungeva a 21" da Sastre e salvava così il piazzamento sul podio, mentre, come è già stato detto, Di Luca arrivava terzo e Menchov quarto a 30". Basso arrivava quinto a 34", mentre Leipheimer sesto a 53" e a seguire Arroyo, Valjavec, Bruseghin, Armstrong e Simoni.
Oggi si corre la 20°tappa, la Napoli-Anagni di 203 chilometri, che nel finale presenta un circuito insidioso con un arrivo con pendenza al 4.7%. E Di Luca non è nuovo a vincere su questi traguardi (considerato che a tirargli l’eventuale volata dovrebbe essere un certo Alessandro Petacchi). E un’eventuale vittoria, con Menchov fuori dai primi tre, dati i 20" di abbuono, significherebbe Maglia Rosa con 2" sul russo. Certo, un vantaggio minimo, data la cronometro di Roma nettamente favorevole al capitano della Rabobank. Ma certe volte la Maglia Rosa sulle spalle fa miracoli………………….
 
L’arrivo di Sastre sul Vesuvio (Fonte : www.gazzetta.it)
 
 
La classifica dopo 19 tappe (Fonte : www.gazzetta.it)
 
1 MENCHOV Denis RUS RAB 81:13:55 0:00
2 DI LUCA Danilo ITA LPR 81:14:13 0:18
3 PELLIZOTTI Franco ITA LIQ 81:15:34 1:39
4 SASTRE CANDIL Carlos ESP CTT 81:16:35 2:40
5 BASSO Ivan ITA LIQ 81:17:28 3:33
6 LEIPHEIMER Levi USA AST 81:18:50 4:55
7 GARZELLI Stefano ITA ASA 81:22:43 8:48
8 ROGERS Michael AUS THR 81:23:27 9:32
9 VALJAVEC Tadej SLO ALM 81:24:37 10:42
10 BRUSEGHIN Marzio ITA LAM 81:25:27 11:32
 
L’altimetria della 20°tappa, la Napoli-Anagni (Fonte : www.gazzetta.it)
 
 
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...