Tour de France 2009 – Il trionfo di Contador

Era il grande favorito. Ed alla fine, ha rispettato alla grande il pronostico. Alberto Contador, ventisettenne spagnolo di Pinto,sobborgo di Madrid, corridore dell’Astana, ha vinto il 96°Tour de France. Per lui si tratta del secondo successo nella "Grande Boucle" dopo la vittoria del 2007 e del quarto successo consecutivo nei Grandi Giri: nell’ordine ha messo in bacheca Tour 2007, Giro 2008, Vuelta 2008 e Tour 2009, davvero ninete male. Contador, nell’ultima frazione che poteva risultare decisiva per ciò che riguarda la classifica, ovverosia la ventesima, da Montelimar fino all’arrivo in salita del mitico Mont Ventoux, 167 km, si è limitato a controllare gli ultimi attacchi portati dal secondo in classifica, il lussemburghese Andy Schleck (Saxo Bank)(che si consola portando a casa la sua seconda Maglia Bianca consecutiva di Vincitore della Classifica dei Giovani). Stessa cosa ha fatto il suo "compagno di squadra" Lance Armstrong con il fratello maggiore (ed anche suo compagno di squadra) di Andy, Frank. E questo controllo ha portato Lance sul terzo gradino del podio di Parigi. Per il texano si tratta dell’ottavo podio dopo le 7 vittorie consecutive (record al Tour) dal 1999 al 2005, podio che gli permette di eguagliare in questa speciale statistica il francese Raymond Poulidor (anche se tra gli 8 podi non vi è il gradino più alto e, cosa ancor più clamorosa, Poulidor detiene il poco invidiabile primato di essere sì salito così tante volte in carriera sul podio al Tour,ma senza aver indossato neanche per un giorno la Maglia Gialla). La tappa del Ventoux, con i grandi impegnati a controllarsi, è andata ad uno dei fuggitivi della prima ora, lo spagnolo Juan Manuel Garate (Rabobank), che ha preceduto il compagno di fuga, il tedesco Tony Martin (Columbia-HTC-High Road) di 3". Il gruppetto degli uomini di classifica è stato regolato da Andy Schleck ed è giunto a 38" da Garate.
Nell’ultima tappa, da Monterau-Fault-Yonne agli Champs Elysées a Parigi, solita passerella dedicata al vincitore del Tour con volatone (nonostante ripetuti tentativi di coraggiosi corridori nel circuito finale) conclusivo. E Mark Cavendish (Columbia-HTC-High Road) ha vinto agevolmente, quasi per distacco, ed ha conquistato così il suo sesto successo di tappa in questo Tour 2009. Cavendish ha preceduto il suo compagno di squadra, l’australiano Renshaw, e lo statunitense della Garmin-Slipstream Tyler Farrar. Però Cannonball, anche se per pochi punti (280 contro 270), ha dovuto rinunciare alla Maglia Verde di vincitore della Classifica a Punti, andata al norvegese Thor Hushovd (Cervèlo), il quale è stato abile a raccogliere moltissimi punti, tenendo duro (tappone alpino de Le Grand Bornard, tanto per citare un esempio) in frazioni difficili. E l’Italia? Il bilancio dell’Italbici si può considerare quasi del tutto positivo. La torta c’è stata. Vincenzo Nibali (Liquigas) ha concluso il Tour tra i primi 10, come si era prefissato fin dalla partenza di Monaco, giungendo settimo a 7’35", il suo compagno di squadra Franco Pellizotti, reduce da un magnifico terzo posto al Giro d’Italia, si è aggiudicato la Maglia a Pois di Vincitore della Classifica dei Gran Premi della Montagna (l’ultimo italiano a riuscirci fu Claudio Chiappucci nel 1993) ed ha sfiorato più volte la vittoria di tappa (secondo a Tarbes dietro Fedrigo, nella fuga buona verso Bourg Saint Maurice si è lasciato "scappare" Astarloza, ci ha provato anche sul Ventoux ed è stato ripreso dal gruppetto dei grandi all’ultimo chilometro, anche se oramai non poteva mai raggiungere Garate e Martin), Rinaldo Nocentini ha vestito per 8 giorni la Maglia Gialla, 9 anni dopo l’ultimo italiano a riuscirci, Alberto Elli (4 giorni nel 2000) ed ha tenuto anche in classifica, giungendo alla fine quattordicesimo a 20’45" da Contador. E’ mancata la ciliegina, ovverosia la vittoria di tappa. Pazienza, i nostri ci riproveranno al Tour 2010. Che a giudicare dalle infuocate dichiarazioni che Contador ed Armstrong (che correrà l’anno prossimo per la neonata RadioShack, sempre sotto l’egida del team manager belga Johan Bruynell, che lascerà dunque l’Astana), sembra essere già iniziato.
 
Nella foto (Fonte : www.ciclismonline.it) il podio del Tour 2009. Da sinistra verso destra: Andy Schleck, Alberto Contador, Lance Armstrong.
 
 
Classifica del Tour 2009 (Fonte : www.letour.fr)
 
1. CONTADOR Alberto 21 ASTANA 85h 48′ 35"  
2. SCHLECK Andy 31 TEAM SAXO BANK 85h 52′ 46" + 04′ 11"
3. ARMSTRONG Lance 22 ASTANA 85h 53′ 59" + 05′ 24"
4. WIGGINS Bradley 58 GARMIN – SLIPSTREAM 85h 54′ 36" + 06′ 01"
5. SCHLECK Frank 36 TEAM SAXO BANK 85h 54′ 39" + 06′ 04"
6. KLÖDEN Andréas 23 ASTANA 85h 55′ 17" + 06′ 42"
7. NIBALI Vincenzo 95 LIQUIGAS 85h 56′ 10" + 07′ 35"
8. VANDE VELDE Christian 51 GARMIN – SLIPSTREAM 86h 00′ 39" + 12′ 04"
9. KREUZIGER Roman 93 LIQUIGAS 86h 02′ 51" + 14′ 16"
10. LE MEVEL Christophe 106 FRANCAISE DES JEUX 86h 03′ 00" + 14′ 25"
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...