Vuelta a Espana 2009 – Trionfa Valverde su Sanchez ed Evans. Basso quarto.

La crono a Millar
La Vuelta a Valverde

Nella 20ª e penultima tappa della Vuelta vittoria del britannico nei 27, 8 km a cronometro: Valverde controlla, chiude settimo e domani arriverà in maglia oro a Madrid. Ivan Basso giù dal podio: l’australiano Evans (3° dietro a Sanchez) lo scavalca

 

David Millar. Ap

David Millar. Ap

MILANO, 19 settembre 2009 – Manca la passerella finale di domani a Madrid, ma i giochi della Vuelta – al termine della cronometro odierna, 27,8 km a Toledo – sono fatti: la corsa spagnola va, per la prima volta, al murciano Alejandro Valverde. E Ivan Basso, pur battendosi, non riesce a concludere sul podio: come dire che i pronostici della viglia sono stati rispettati.

LA CRONO — Il successo di giornata è andato al britannico David Millar (Garmin), unico capace di scendere sotto i 36’ (35’53”) a oltre 46 di media. L’australiano Cadel Evans (Silence-Lotto) si è piazzato terzo in 36’02” a 9” da Millar. Ivan Basso doveva difendere la terza posizione proprio dall’attacco di Evans: aveva 14” di margine, ne ha persi 54” chiudendo in 36’56”, fuori dalla prime quindici posizioni di giornata. Ottimo finale di cronometro per il campione olimpico, lo spagnolo Samuel Sanchez, 2° in classifica generale: è arrivato 2° in 35’58”, ad appena 5” da David Millar e facendo meglio del leader Alejandro Valverde. Quest’ultimo comunque ha sempre controllato la corsa chiudendo 7° a 36” da Millar, con il pugno alzato in segno di trionfo.

Alejandro Valverde. Reuters

Alejandro Valverde. Reuters

LA CLASSIFICA — Alejandro Valverde adesso ha 55” di vantaggio su Samuel Sanchez, 1’32” su Cadel Evans (sul bilancio dell’australiano pesa il minuto e 15” perso inopinatamente per una foratura in una tappa di montagna) e 2’12” su Basso. Un passo in avanti rispetto al quinto posto del Giro (che potrebbe diventare quarto dopo il caso Di Luca) per il varesino, che è stato protagonista anche in Spagna ma chiude senza podio e senza successi di tappa. Chiude i primi cinque lo spagnolo Mosquera, a 4’27”. Un altro italiano nei 10: è Paolo Tiralongo della Lampre-Ngc, ottavo a 9’11”.

LA POLEMICA — Domani ultimo sprint a Madrid: l’apoteosi per Valverde, che non può correre in Italia per la squalifica di 2 anni inflittagli dal Coni a causa del coinvolgimento dell’Operacion Puerto. E per questo infatti ha saltato il Tour, che sconfinava in Italia in una tappa. Una vicenda che si trascina da tempo e sulla quale pendono ricorsi al Tas: per questo l’Uci non si è ancora pronunciata sulla possibilità di estendere la sanzione italiana a livello internazionale. Intanto Valverde può correre e ha vinto la sua prima Vuelta, succedendo nell’albo d’oro al connazionale Alberto Contador: e domenica prossima a Mendrisio sarà uno dei favoriti anche del Mondiale…

Greipel sfreccia pure a Madrid
Valverde, la festa durerà?

Poker del tedesco della Columbia High Road, che vince l’ultima tappa della Vuelta. Nella Capitale spagnola va in scena il trionfo del murciano. Dopo il Mondiale di Mendrisio però, il leader della Caisse d’Epargne rischia una squalifica dell’Uci. Basso chiude quarto. Tiralongo splendido ottavo

 

MILANO, 20 settembre 2009 – Ultimo sprint alla Vuelta di Spagna, sul tradizionale traguardo di Madrid, e ancora un successo di Andre Greipel. Il 27enne tedesco della Columbia-High Road, al termine di una tappa senza emozioni, ha così ottenuto la quarta vittoria in questa edizione della Vuelta, dopo quelle firmate sui traguardi di Liegi, Vinaros e Puertollano. Per Greipel – maglia verde perché leader della classifica a punti – è il 19° centro del 2009, l’83° per la sua squadra, il team Columbia, che nella classifica dei plurivittoriosi stagionali ha anche il primo (Cavendish, 23) e il terzo (Boasson Hagen, 13). Formidabile. Niente da fare per Daniele Bennati: l’aretino della Liquigas-Doimo, a secco di vittorie da febbraio, sembrava in ottima posizione per ripetere il successo che a Madrid aveva ottenuto nel 2007, ma è stato rimontato da Greipel che si è imposto facilmente – a 62 all’ora – con due biciclette di vantaggio. Bennati si è dovuto accontentare del secondo posto. Terzo lo sloveno Borut Bozic, quinto Enrico Gasparotto (Lampre-Ngc).

Andre Greipel è nato a Rostock nel 1982. Bettini

Andre Greipel è nato a Rostock nel 1982. Bettini

VALVERDE, LUCI ED OMBRE — La 64/a edizione della corsa spagnola è andata ad Alejandro Valverde, che succede nell’albo d’oro al connazionale Alberto Contador: per il murciano della Caisse d’Epargne è il coronamento di un lungo inseguimento, visto che era arrivato terzo nel 2003 e secondo nel 2006. E si tratta anche del primo grande successo in una corsa a tappe per un atleta già capace di vincere le classiche come Liegi-Bastogne-Liegi e Freccia Vallone, oltre alle brevi corse a tappe come il Giro del Delfinato. Sul suo capo pende sempre la squalifica per due anni che il Coni gli ha inflitto sul territorio italiano (coinvolgimento nell’Operacion Puerto) e che l’Uci potrebbe estendere – una volta terminato l’iter dei ricorsi – a livello mondiale: intanto Valverde sarà il rivale principale per l’Italia al Mondiale di Mendrisio di domenica prossima. Anche la maglia iridata è un obiettivo che Valverde insegue da tempo: conta due argenti (2003 e 2005) e un bronzo (2006). In classifica generale, secondo posto a 55” per l’olimpionico spagnolo Samuel Sanchez, mentre terzo, a chiudere un podio di grande nobiltà, si è piazzato Cadel Evans: l’australiano della Silence Lotto, 2° nei Tour 2007 e 2008, ha chiuso a 1’32” ed è stato penalizzato da una foratura in montagna che gli ha fatto perdere 1’15”. Chissà se la storia avrebbe potuto cambiare…

ORA IL MONDIALE — Niente podio invece per Ivan Basso: il 31enne varesino della Liquigas-Doimo è arrivato 4° a 2’12”. Un passo avanti rispetto al quinto posto del Giro: Basso è stato protagonista, ma non ha colto vittorie di tappa e ha fallito l’obiettivo del podio. Alle sue spalle Mosquera, Gesink, Rodriguez e Paolo Tiralongo: molto buono l’ottavo posto finale per il siciliano della Lampre-Ngc, per la prima volta così in alto in un grande giro. Nel bilancio azzurro anche i due successi in montagna di Damiano Cunego: il veronese della Lampre-Ngc si è poi ritirato per preparare al meglio il Mondiale di Mendrisio, dove cerca l’oro dopo l’argento 2008 alle spalle del compagno Ballan. Tra sette giorni il verdetto di Mendrisio: domani sera la squadra azzurra (Ballan, Basso, Bruseghin, Cunego, Garzelli, Paolini, Pozzato, Scarponi, Santambrogio, Tosatto, Visconti) si raduna a Gazzada, in provincia di Varese.

Classifica della Vuelta a Espana 2009

1 51 VALVERDE, Alejandro ESP GCE 087:22:37
2 1 SÁNCHEZ, Samuel ESP EUS a 55
3 161 EVANS, Cadel AUS SIL a 01:32
4 131 BASSO, Ivan ITA LIQ a 02:12
5 211 MOSQUERA, Ezequiel ESP XAC a 04:27
6 154 GESINK, Robert NED RAB a 06:40
7 58 RODRIGUEZ, Joaquin ESP GCE a 09:08
8 128 TIRALONGO, Paolo ITA LAM a 09:11
9 62 DEIGNAN, Philip IRL CTT a 11:08
10 101 COBO, Juan José ESP FUJ a 11:27

Fonte articoli e foto : www.gazzetta.it

Fonte classifica : www.lavuelta.com

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...