Riparte l’Italtuffi. Prossimo obiettivo? Budapest, Europei 2010. Parla il Ct Cagnotto.

Azzurri a lavoro
Obiettivo Europei

Prima tappa di avvicinamento il Gp FINA di Rostock dal 26 febbraio. Il Ct Cagnotto: "Valutiamo le condizioni dei singoli e i sincro, in attesa che sia pronto l’impianto dell’Acqua Acetosa per un collegiale permanente"

ROMA – Obiettivo Budapest. Chiuso il 2009 da protagonisti – ai Mondiali di Roma argento nel sincro tre metri di Francesca Dallapè e Tania Cagnotto, bronzo dai tre metri della Cagnotto e quarti posti della bolzanina da 1 metro e dei fratelli Nicola e Tommaso Marconi nel sincro tre metri (per 9 centesimi di punto dietro ai canadesi) – l’Italtuffi riparte verso una nuova avvincente stagione che culminerà con gli Europei, in programma in Ungheria dal 9 al 15 agosto. La scorsa edizione, nel primo europeo di specialità, a Torino, l’Italia conquistò ben sette medaglie: tre d’oro che portano la firma di Tania Cagnotto, campionessa dal trampolino 1 metro, trampolino 3 metri e nel sincro con la Dallapè; l’argento di Christopher Sacchin e Maria Marconi nel trampolino 1 metro; il bronzo di Michele Benedetti nel trampolino 3 metri e di Nicola e Tommaso Marconi nel sincro trampolino.
"Stiamo riprendendo gradualmente gli allenamenti dopo due anni vissuti tutti d’un fiato – dichiara il Ct Giorgio Cagnotto – Non ci siamo mai fermati dalle Olimpiadi di Pechino ed era giusto staccare la spina. Da parte nostra c’è la volonta di ben figurare agli Europei di Budapest per cercare conferme e proporre novità soprattutto nei tuffi sincronizzati. Abbiamo bisogno di gareggiare e lo faremo a fine febbraio quando parteciperemo alla prima tappa di Rostock del Grand Prix Fina (26 febbraio ndr). Nel prossimo mese valuterò le coppie sincro in collegiale a Trieste. Per la stagione in corso punto molto su Michele Benedetti, che abbiamo scoperto ottimo trampolinista, purtroppo in tarda età. Per quanto riguarda Tania Cagnotto, l’obiettivo è difendere i tre ori conquistati a Torino e migliorare il triplo e mezzo. Tutto ciò in attesa che ci venga consegnato l’impianto dell’Acqua Acetosa, per uniformare il lavoro e riunire i ragazzi in collegiale permanente".

Fonte articolo: www.federnuoto.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...