Parigi-Nizza 2010: Dopo aver fatto scatenare i giovani, Contador piazza il colpo. Quarta tappa e Maglia Gialla.

Boom alla Parigi-Nizza
Contador "solo" quarto

L’olandese Lars Boom ha vinto il cronoprologo della corsa del sole battendo Voigt e Leipheimer. Domani Saint Arnoult en Yvelines-Contres. Diretta su EuroSport

 

Alberto Contador in azione. Reuters

Alberto Contador in azione. Reuters

MONTFORT L’AMAURY (Fra), 7 marzo 2010 – Lars Boom ha vinto la prima tappa della Parigi-Nizza, un cronoprologo di 8 chilometri disputato sulle strade attorno a Montfort l’Amaury. Il giovane talento della Rabobank, ha coperto gli 8 km in 10’56", precedendo di 3" il tedesco Jens Voigt (Saxo Bank) e di 6" lo statunitense Levi Leipheimer (Radioshack). Quatro a 6" lo spagnolo Alberto Contador (Astana), favorito della vigilia. Il migliore degli italiani è stato Mauro Finetto, 41° a 33" . Domani seconda delle otto frazioni in programma, Saint Arnoult en Yvelines-Contres di 201,5 chilometri. Diretta su EuroSport.

Henderson alla Parigi-Nizza
Cade Contador: solo paura

Il neozelandese Greg Henderson (Sky) ha vinto a Contres la prima tappa in linea della Parigi-Nizza. Molte cadute nel finale, a terra anche Contador e Cunego che però hanno concluso la tappa. Boom resta leader

 

La vittoria di Greg Henderson. Bettini

La vittoria di Greg Henderson. Bettini

CONTRES (Francia), 8 marzo 2010 – L’esatto contrario di una tappa banale. La prima tappa in linea della Parigi-Nizza (traguardo a Contres) l’ha vinta Greg Henderson, il neozelandese del team Sky già a segno al Tour Down Under in Australia. E leader, dopo la vittoria del cronoprologo, è rimasto Lars Boom, l’olandese della Rabobank. Ma nel finale il ventaglio provocato dalla Caisse d’Epargne di Valverde e Luis Leon Sanchez, ha fatto diverse vittime eccellenti. E in più ci sono state diverse cadute: coinvolti Alberto Contador, Damiano Cunego, Leipheimer, Haussler e l’olimpionico Samuel Sanchez. Domani seconda tappa: 203 chilometri da Contres a Limoges.

La cronaca — Sole e freddo in Francia. Dopo appena 4 chilometri, vanno in fuga Roman Feillu (Vacansoleil) e Albert Timmer (Skil Shimano). Caduta per Danilo Napolitano (Katusha), che nel prologo di ieri era arrivato ultimo: poi rientra. La fuga di Feillu e Timmer finisce quando mancano una cinquantina di chilometri al traguardo, mentre nell’ultima parte del gruppo ci sono ancora cadute. Tentativo a due di Gilbert (Omega) e Veelers (Skil) che però si esaurisce: il tutto prima dell’appassionante finale caratterizzato dai ventagli, che inaspettatamente segnano già un po’ la classifica. Contador era rimasto fuori dal primo gruppo, ed è caduto più o meno ai meno 3: è stato aiutato a rientrare dall’ammiraglia della Rabobank, tagliando il traguardo con ritardo di 17” dal vincitore che ha beffato Grega Bole: lo sloveno aveva lanciato la volata lunga e pareva sicuro del successo.

Il primo piano di Greg Henderson. Reuters

Il primo piano di Greg Henderson. Reuters

I primi dieci — Henderson ha preceduto Bole, Galland, Kolobnev, Valverde, Nicolas Roche, Voigt, Marcato (l’unico italiano nel primo gruppo) e Kreuziger. Così nella generale: Boom ha 5” su Voigt, 13” su Millar, 15” su Luis Leon Sanchez e Kreuziger, 20” su Henderson, 25” su Leipheimer e Contador, 29” su Sagan e Tondo.

Contador — “Quello che mi preoccupa non sono i secondi perduti, anche se avrei preferito che andasse in un altro modo, ma il dolore”: così Alberto Contador, toccato nella parte alta dell’anca sinistra, al termine della tappa. Il madrileno dell’Astana ha un’ematoma (non sono previste radiografie) ed ha aggiunto che è difficile saperne di più a caldo. “Mi domando come mi sentirò al risveglio, dopo una notte di riposo”.

Lo sprint di Bonnet
dopo la grande paura

Il francese William Bonnet ha vinto in volata la seconda tappa della Parigi-Nizza battendo lo slovacco Peter Sagan. Brutta caduta nel finale, il più malconcio è Bole. Boom conserva il primato

 

LIMOGES, 9 marzo 2010 – Il francese William Bonnet (BBox) ha vinto allo sprint la 2ª tappa della Parigi-Nizza. L’olandese Lars Boom conserva la maglia gialla di leader. Per Bonnet, 27 anni alla 6ª stagione tra i pro’, è la quarta vittoria in carriera. Ma a brillare nell’arrivo di Limoges è stato anche lo slovacco della Liquigas Peter Sagan. Il 20enne, ex campione del mondo juniores di mountain bike cross country nel 2008, ha iniziato alla grande la sua avventura nel mondo dei pro’. Già al Tour Down Under, a gennaio, raccolse un 4° e un 5° posto. Soprattutto dimostrò di non avere timore a confrontarsi in salita con campioni del calibro di Evans e Valverde. Qui alla Parigi-Nizza, nel prologo di domenica, ha ottenuto un eccellente 5° posto a 10" da Boom. Oggi il suo compito era prima quello di tenere davanti il ceco Kreuziger che tiene d’occhio alla classifica, poi nel complicato finale avrebbe dovuto pilotare allo sprint Francesco Chicchi.

William Bonnet (a sinistra) vince la volata. Ap

William Bonnet (a sinistra) vince la volata. Ap

Tremenda caduta — Una tremenda caduta agli 800 metri causata dallo sloveno Grega Bole (per lui che mentre era a terra è stato centrato in pieno da Tony Martin e Jimmy Casper pare ci siano solo contusioni alle coste) ha stravolto la logica e i piani tattici dello sprint. Lorenzetto ha perso il "pilota", Bole appunto; Chicchi ha perso posizioni preziose. Sagan a quel punto s’è trovato davanti e ha lanciato uno sprint lunghissimo e di forza. Solo Bonnet ha saputo rimontarlo e batterlo con un colpo di reni. Chi resta ancora con un pugno di mosche in mano è la Caisse d’Epargne che, come il giorno precedente, ha fatto la corsa per Luis Leon Sanchez. Ma lo spagnolo sul traguardo ha dovuto accontentarsi del 3° posto davanti a Lorenzetto. Domani la corsa va da Saint Junien ad Aurillac. Sono 208 km mossi con tre gpm di 3ª categoria nella prima parte e tre gpm di 2ª categoria nella seconda parte. La Cote de la Martinie (1,1 km al 7,2%) a 3 km esatti dal traguardo potrebbe favorire qualche attacco.

Parigi-Nizza, ecco Sagan
Ma Contador è in agguato

Il giovane slovacco (20 anni), dopo un quinto posto nel prologo e un secondo ieri, conquista la terza tappa. In testa alla classifica generale passa Voigt, ma lo spagnolo, sesto, è a soli 20 secondi: e domani c’è l’arrivo in salita di Mende, che lo ha già visto vincitore 3 anni fa

 

10 marzo 2010 – Peter Sagan, tenete bene a mente questo nome. Lo slovacco della Liquigas-Doimo ha appena compiuto 20 anni (il 26 gennaio) e ha ottenuto oggi il primo successo da professionista, vincendo la terza tappa della Parigi-Nizza, accorciata di una cinquantina di chilometri per la neve. Ad Aurillac ha preceduto allo sprint Joaquim Rodriguez (Spa, Katusha) e Nicolas Roche in un finale appassionante anche per l’attacco sull’ultimo strappo di giornata di Alberto Contador. Cambio al vertice in classifica generale: Jens Voigt, 38enne tedesco della Saxo Bank, ha strappato il primato a Lars Boom (Ola, Rabobank). E domani è lecito aspettarsi altri cambiamenti: c’è l’impegnativo arrivo in salita di Mende, dove tre anni fa si impose proprio Alberto Contador.

PERSONAGGI — Iridato juniores della mountain bike, Peter Sagan aveva cominciato presto a

Contador-mania alla Parigi-Nizza. Reuters

Contador-mania alla Parigi-Nizza. Reuters

stupire quest’anno. Al Tour Down Under di gennaio, in Australia, era caduto nel finale ma il giorno successivo aveva chiuso la tappa al quarto posto. E nella frazione più dura, a Willunga, aveva attaccato con campioni del calibro di Evans e Valverde, prima di concludere quinto. Alla Parigi-Nizza era arrivato quinto nel prologo e secondo ieri: come dire che il successo era nell’aria e si starà fregando le mani anche la Liquigas-Doimo di Roberto Amadio, arrivata per inciso a nove successi stagionali con cinque corridori diversi. Niente male. E niente male anche Alberto Contador, voglioso di riprendersi i secondi persi a causa di ventagli e caduta. Il re di Tour, Giro e Vuelta si è mosso sull’ultimo strappo (dopo che la lunga fuga di Roelandts, Huguet e Maes si era esaurita) trovandosi davanti con Rodriguez, Voigt, Roche, Tony Martin e Sagan: pur senza trovare collaborazione, qualche secondo ha guadagnato (si è anche toccato con Tony Martin all’ultima curva togliendo il piede sinistro dal pedale), lasciando intendere che domani sarà protagonista.

Contador fa il numero
Vince tappa e maglia

Parigi-Nizza, Alberto Contador ha vinto la 4/a tappa con arrivo in salita a Mende ed è nuovo leader. Sesto posto per Cunego

Alberto Contador festeggia sul podio

Alberto Contador festeggia sul podio

MENDE (Fra), 11 marzo 2010 – Doppio colpo di Alberto Contador (Astana) alla Parigi-Nizza. Lo spagnolo ha vinto la quarta tappa ed ha indossato la maglia di leader della corsa. Partito all’attacco a circa 1.700 metri dall’arrivo, Contador ha preceduto di una decina di secondi i connazionali Alejandro Valverde e Samuel Sanchez, al termine della frazione di 173,5 chilometri, resa difficile dal freddo intenso. Un altro spagnolo, Joaquim Rodriguez, è giunto quarto, staccato di 18", davanti al francese Thomas Voeckler. Al sesto posto Damiano Cunego. Il tedesco Jens Voigt, in testa alla classifica generale prima della tappa odierna, ha accusato un ritardo di una quarantina di secondi lungo i tre chilometri della salita finale. Nella classifica generale Contador precede Valverde di 24".

 

Arrivo: 1. Alberto CONTADOR (Spa, Astana) km 173,5 in 4h26’47", media 39,020; 2. Alejandro Valverde (Spa, GCE) a 10"; 3. Samuel Sanchez (Spa, Eus) s.t.; 4. Rodriguez (Spa) a 18"; 5. Voeckler (Fra) a 20"; 6. Cunego (Ita) a 21"; 7. Kreuziger (RCec) s.t.; 8. Le Mével (Fra) a 29"; 9. L.L. Sanchez (Spa) s.t.; 10. Taaramae (Est) a 31".
Classifica: 1. Alberto CONTADOR (Spa, Astana) ; 2. Valverde (Spa, GCE) a 24"; 3. Kreuziger (RCec, Liquigas) a 25". 4. L.L. Sanchez (Spa) a 28"; 5. S. Sanchez (Spa) a 29". 6. Voigt (Ger) a 34"; 7. J. Rodriguez (Spa) a 36"; 8. Sagan (Slo) a 54"; 9. Millar (Gb) a 1’03"; 10. Taaramae (Est) a 1’06".

Fonte articoli, foto e classifiche: www.gazzetta.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...