Ciao Nino!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il ciclismo piange "il Cit"
E’ morto Nino Defilippis

Dopo una lunga malattia si è spento il grande corridore e ct azzurro che a cavallo tra gli Anni 50 e 60 vinse una sessantina di corse e almeno una tappa nei quattro grandi giri. Da selezionatore, fu mondiale con Gimondi a Barcellona

 

Nino Defilippis conquista il Giro di Lombardia 1958. Archivio

Nino Defilippis conquista il Giro di Lombardia 1958. Archivio

MILANO, 13 luglio 2010 – Il ciclismo italiano è in lutto. Dopo una lunga e coraggiosa lotta contro il cancro, è morto la scorsa notte Nino Defilippis, grande protagonista per oltre un decennio, a cavallo tra gli Anni 50 e 60, con le maglie di Legnano, Torpado, Bianchi, Carpano e Ibac. Nato a Torino il 24 marzo 1932, professionista dal ’52 al ’64, soprannominato "il Cit", vinse una sessantina di corse e, a tutt’oggi, è uno dei pochi corridori italiani ad aver conquistato tappe nei 4 grandi giri nazionali: 9 volte al Giro d’Italia, 7 al Tour de France (indimenticabile la Gap-Torino del ’56, con arrivo allo stadio comunale, davanti al suo pubblico), 2 alla Vuelta e 1 al Giro di Svizzera.

CAMPIONE ITALIANO — Era un passista veloce, capace peraltro di lottare anche per la classifica nelle gare a tappe, come dimostrò al Giro del ’62, finendo 3° dietro a Balmamion e Massignan, e al Tour del ’56, chiuso al 5° posto con tre tappe all’attivo. Vincitore del Giro di Lombardia del ’58 e di due campionati italiani su strada, viene anche ricordato per due grandi successi sfiorati, entrambi nel ’61. Al Giro delle Fiandre si arrese al britannico Tom Simpson, poi al Mondiale di Berna nulla potè allo sprint contro il re dei velocisti, il belga Rik Van Looy.

MONDIALE DA CT — Al Mondiale (9 presenze) fu anche 5° nel ’53 a Lugano quando trionfò Fausto Coppi. Nella sua collezione di vittorie spiccano poi un Trofeo Baracchi, una Tre Valli Varesine, due Giri del Piemonte, due Giri del Lazio, un Giro di Toscana, due Giri dell’Emilia, un Giro del Veneto. Fu inoltre commissario tecnico della Nazionale professionisti per un biennio, prima dell’arrivo di Alfredo Martini: nel ’73, con lui sull’ammiraglia azzurra, Felice Gimondi vinse il titolo a Barcellona.

Fonte articolo e foto: www.gazzetta.it

 

CIAO NINO!!!!!!!!!!!!!! RIPOSA IN PACE!!!!!!!!!!!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...