Amstel Gold Race 2011: Gilbert il Dominatore concede il bis sul Cauberg. E punta alla tripletta con Freccia e Liegi.

Amstel Gold Race
Trionfa Gilbert

Il belga Philippe Gilbert ha vinto l’Amstel Gold Race bissando il successo conquistato nella scorsa stagione. Migliore degli italiani Cunego, 15° a 1’39”

VALKENBURG (Olanda), 17 aprile 2011 – Fa festa ancora una volta Philippe Gilbert, proprio come un anno fa. Il 28enne belga dell’Omega Pharma ha vinto per la seconda volta consecutiva l’Amstel Gold Race, l’unica classica olandese del World Tour, sponsorizzata dalla famosa birra. Sul traguardo di Valkenburg, in cima al Cauberg, che nel 2012 sarà sede dei Mondiali, Gilbert ha vinto nettamente: sul podio anche Joaquim Rodriguez, lo spagnolo della Katusha, e Simon Gerrans, l’australiano di Sky. Niente da fare per gli italiani: Simone Ponzi e Pierpaolo De Negri si sono messi in evidenza con una fuga a lunga gittata, ma le nostre punte – Cunego, Visconti e Di Luca – non hanno mai dato l’impressione di poter lottare per il successo. Il migliore è stato Damiano Cunego, 15° a 1’39″.

L'esultanza di Philippe Gilbert. Bettini
L’esultanza di Philippe Gilbert. Bettini

Superiore — Forse è esagerato dire che Gilbert ha vinto con facilità, ma di certo il vincitore degli ultimi due Lombardia, arrivato all’Amstel sulla scia del successo alla Freccia del Brabante di mercoledì, ha tenuto sempre in pugno la corsa. Nel finale ci ha provato, ai meno 10, Andy Schleck, ma il lussemburghese è stato ripreso a circa 700 metri dalla linea. A quel punto è partito Rodriguez, che però ha finito per fare il punto di riferimento di Gilbert. “Tutti mi marcavano – ha detto il vincitore -, un po’ come succedeva a Cancellara nelle gare del pavè, ma qui i percorsi sono più duri ed i migliori restano davanti in modo quasi naturale”. E in effetti le 32 côtes, seminate lungo i 260 chilometri del percorso, sono rimaste nelle gambe di molti: Gilbert ha firmato l’assolo accolto da un boato della folla (siamo vicini al confine con il Beglio). Il danese Fuglsang ha chiuso ai piedi del podio, staccato di 5″, davanti a Kolobnev, Freire, Leukemans, Hermans, Gesink e Martens (quest’ultimo a 26″).

Il programma — Le classiche delle Ardenne proseguono mercoledì con la Freccia Vallone, dove ci saranno anche Alberto Contador e Ivan Basso, e si chiuderanno domenica con la Liegi-Bastogne-Liegi: è la corsa di casa per Gilbert, che finora l’ha solo sfiorata. In Italia invece martedì c’è il Giro del Trentino: torna in gara Vincenzo Nibali, a neanche tre settimane dal via del Giro d’Italia.

Ordine d’arrivo 1. Philippe GILBERT (Bel, Omega Pharma Lotto) km 260,4 km in 6h30’44”, media 39,986; 2. Joaquin Rodriguez (Spa, Katusha) a 2″; 3. Simon Gerrans (Aus, Sky) a 4″; 4. Fuglsang (Dan) a 5″; 5. Kolobnev (Rus) s.t.; 6. Freire (Spa); 7. Leukemans (Bel); 8. Hermans (Bel) a 18″; 9. Gesink (Ola) a 19″; 10. Martens (Ger) a 26″. 11. A. Schleck (Lux) a 28″; 12. Hoogerland (Ola) a 36″; 13. Vanendert (Bel) a 48″; 14. Daniel Moreno (Spa) a 1’38”; 15. Cunego (Ita) a 1’39”; 35. Gasparotto (Ita) a 2’24”; 48. Di Luca (Ita) a 2’29”; 114. Giovanni Visconti (Ita) a 9’13”

Fonte articolo, foto ed ordine d’arrivo: http://www.gazzetta.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...