Classica di San Sebastian 2011: Gilbert, l’Insuperabile.

Dopo le Ardenne Gilbert conquista anche San Sebastian

di Redazione Sportitalia
pubblicato il 30 Luglio 2011 17:21 in Ciclismo
Articolo letto 56 volte.

Stagione sempre più pazzesca quella di Philippe Gilbert. Le 3 classiche dell’Ardenne (Amstel, Freccia e Liegi), la prima maglia gialla all’ultimo Tour de France, adesso anche la prima Klasika di San Sebastian che mette in bacheca. Il suo palmares di classicomane recita ora: 2 Giri di Lombardia, 2 Parigi-Tours. Più Amstel Gold Race, Freccia Vallone, Liegi Bastogne Liegi e Klasika di San Sebastian. 14 ora i successi ottenuti nel 2011

 

LA CORSA – Come fossimo ancora al Tour de France, anche alla 31° Klasika di San Sebastian parte subito la fuga. Scappano in 6 al km 12, è fuga che segna per lunghi km la corsa, suo stadio finale il Donostia Boulevard, sul quale i corridori arriveranno dopo 234 km e 6 Altos da scalare (a partire dallo Jaizkibel) Julian Sanchez, Matt Brammeier, Klass Lodevyck, Eloi Ruiz, Murillo Fischer e Karsten Kroon (il più noto dei 6) sono i 6 promotori dell’azione. Spingono fortissimo nei primi km di fuga, accumulano un massimo vantaggio di 10 minuti e spiccioli al km 50, ma ai ai piedi dello Jaizkibel per la sua 2° e ultima scalata, con 50 km ancora davanti, il vantaggio dei 6 è sceso a 1’15” e la loro fuga sfuma lungo le rampe della salita totem della corsa. La fa esplodere l’attacco di Samuel Sanchez, giù dallo Jaizkibel scende assieme un gruppo di circa 20 corridori, dai tanti nomi forti (oltre a Sanchez c’è El Purito Rodriguez, Frank Schleck e Gilbert), compreso quello di Ivan Basso. Manca invece all’apppello Cunego che sta in un secondo e più numeroso plotone, che si congiunge con quello di testa in fondo alla discesa, a 30 km scarsi dalla conclusione.

Ne passano altri 5 e piazza una botta decisa, in pianura, il 2 volte vincitore del Fiandre, Stijn Devolder, che si presenta sull Alto de Arkale ultima ascesa (2 km al 6% e gli ultimi 700 metri al 7%) ai -15 km dal Donostia Boulevard, con 20 secondi di margine su un plotoncino di 11 atleti, comprendente anche Basso, mentre gli altri big sono appena più dietro. In vetta alla salita si disintegra il gruppo di testa, è la resa per Cunego, perde smalto anche Basso, davanti restano in 10. Devolder, Zubeldia, Vanendert e Barredo i nomi più di spicco, i big stanno a circa 40″ quando iniziano gli ultimi 10 km. Ai -8 l’attacco di Carlos Barredo, qui vincitore nel 2009. Ma dietro a lui si è rimpolpato, con il rientro dei grandi, il gruppo inseguitore.

GILBERT PIAZZA LA BOTTA VINCENTE – Sfuma dunque il sogno di bis per Barredo e alll’interno degli ultimi 4 km, sull’ultimissimo strappetto, parte a molla Philippe Gilbert. Che sorprende tutti e opera la mossa vincente. In dosso la maglia di campione nazionale del Belgio, Gilbert si impone in solitudine con 11″di margine sul 2°, il tenace Barredo, che anticipa di un paio di secondi il gruppo inseguitore, regolato da Van Avermaet. Un grandissimo vincitore per una Klasika di San Sebastian negativa sia per Basso che per Cunego, con Ponzi che regola il 3° gruppo inseguitore (15°) e Basso che lo chiude.

Fonte articolo e foto: http://www.sportitalia.com

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...