L’ennesima giovanissima vita spezzata dall’imprudenza sulla strada. CIAO GIACOMO!!!!!!!!

Minuto di silenzio nella scuola. Lettera di Scola. Gara di solidarietà per aiutare la madre

Dodicenne morto in bici,
inchiesta sulle auto in sosta

La Procura: potrebbero essere indagati i proprietari
delle vetture parcheggiate in divieto

 

Ancora auto in sosta vietata sul luogo della tragedia (Fotogramma)
Ancora auto in sosta vietata sul luogo della tragedia (Fotogramma)

 

 

 

 

 

MILANO – Lei è rimasta chiusa in casa, tutto il giorno. Ma attorno alla mamma del piccolo Giacomo Scalmani si sono stretti gli amici di sempre, quelli che in questi anni lo avevano visto crescere insieme alla sorella Anna, di tre anni più grande. E gli stessi che in queste ore si sono mobilitati in una gara di solidarietà per mamma Giovanna, biologa, che da anni lavora per la Regione, ancora con un contratto precario. Dal futuro incerto. L’abbraccio è quello di un intero quartiere. I compagni della seconda F, e tutti i bambini della scuola media Carlo Porta, con il loro minuto di silenzio prima di iniziare le lezioni. Gli amici dell’oratorio di Santa Maria del Rosario. E la comunità religiosa: l’arcivescovo Angelo Scola che ha scritto una lettera per la famiglia del piccolo investito e ucciso sabato sera da un tram in via Solari.

OMICIDIO COLPOSO – Per quella morte la Procura sta valutando l’iscrizione nel registro degli indagati non soltanto del 47enne conducente del tram 14 e della 28enne Marilena B., che aprendo la portiera dell’automobile avrebbe provocato la caduta di Giacomo. Ma nel registro degli indagati potrebbero finire anche i proprietari delle auto lasciate in sosta vietata nel tratto tra piazza del Rosario e via Solari 34, punto dell’incidente. L’inchiesta è affidata al pm Cristiana Roveda. La Procura ha disposto l’autopsia, ma manca ancora la data. Un passaggio fondamentale anche per chiarire chi e quanti saranno gli iscritti nel registro degli indagati ai quali verrà comunicato l’avviso di garanzia che consentirà di indicare un perito di parte per l’esame autoptico. Un atto dovuto per garantire il più possibile il diritto di difesa. L’ipotesi è di omicidio colposo, che potrebbe allargarsi in un «concorso al reato» per i proprietari delle auto.

Ragazzino in bici ucciso da un tram a Milano
Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano   Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano   Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano   Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano   Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano   Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano   Ragazzino in bici ucciso da un  tram a Milano

IL RICORDO DEGLI AMICI – Manca ancora una data per i funerali, ma i sacerdoti e gli educatori della parrocchia del Rosario stanno pensando a «un momento di comunità» per ricordare Giacomo. Domenica alla veglia in parrocchia c’erano quasi 500 persone. Fuori dall’oratorio c’è la locandina di un film del cineforum di venerdì prossimo: «Il ragazzo con la bicicletta» dei fratelli Dardenne. La memoria corre subito al piccolo Giacomo. Ma c’è anche il popolo del web che sta organizzando un corteo, in bici, per sabato pomeriggio: da Palazzo Marino a via Solari, passando per le strade a rischio: via Torino, corso San Gottardo. E c’è la rabbia del quartiere per la mancanza di una pista ciclabile e per la presenza, anche nei giorni successivi all’incidente, delle auto in divieto di sosta in via Solari. S’invoca l’uso delle «street control», le telecamere sulle pattuglie dei vigili usate contro la doppia fila. Palazzo Marino a settembre ha deciso di acquistare altri 20 apparecchi. I residenti chiedono anche la corsia riservata protetta per i tram. Un primo progetto era stato accantonato dalla giunta Moratti: «Avevo chiesto uno studio a Comune e Atm per trovare 300 parcheggi che altrimenti sarebbero spariti. Nessuno sa che fine abbia fatto», spiega l’ex vice sindaco Riccardo De Corato. Ieri il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, che, oltre a chiedere interventi per le due ruote, impegna il Comune a distribuire nelle scuole un libretto per la sicurezza sulle strade. Sarà dedicato alla memoria di Giacomo.

Fonte articolo: www.corriere.it

PUO’ DEFINIRSI UN PAESE CIVILE UN PAESE DOVE CHI UTIILIZZA LA PIU’ BELLA MACCHINA PROGETTATA DALL’UOMO LO DEVE FARE SEMPRE A PROPRIO RISCHIO E PERICOLO??? LA RISPOSTA E’ SCONTATA E CRUDELE ALLO STESSO TEMPO: NO!!!!!!!!!!!!!!!!

CIAO GIACOMO, RIPOSA IN PACE!!!!!!!!!!!! SENTITE CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA!!!!!!!!!!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...