Dwars von Vlandereen 2012 e Gp Harelbeke 2012: Omega Pharma – Quick Step sugli scudi prima con Terpstra e poi con Boonen. Per Tom si tratta della cinquina ad Harelbeke.

DWARS DOOR VLAANDEREN. Impresa solitaria di Niki Terpstra
Comincia col botto la stagione delle classiche in Belgio: in una giornata di sole, il gruppo ha affrontato oggi la Dwars door Vlaanderen che ha visto l’impresa solitaria dell’olandese Niki Terpstra che ha regalato alla Omega Pharma Quick Step la ventesima vittoria stagionale. Terpstra ha attaccato da lontano e ha piazzato la botta vincente sul Vecchio Kwaremont, lasciando i compagni d’avventura per percorrere tutto solo gli ultimi 30 chilometri che portavano al traguardo di Waregem. Alle spalle di Terpstra, il suo compagno di squadra Sylvain Chavanel ha preceduto Koen De Kort con Filippo Pozzato che è arrivato nel gruppetto di Chavanel e lascia capire di essere in buona condizione in vista degli appuntamentamenti che contano, quelli di venerdì (Gp Harelbeke) e domenica (Gand-Wevelgem).

Ordine d’arrivo
1. Niki Terpstra (Omega Pharma-Quick Step)
2. Sylvian Chavanel (Omega Pharma-Quick Step)
3. Koen de Kort (Project 1t4i)
4. Jan Ghyselinck (Cofidis)
5. Alexander Pichot (Europcar)
6. Filippo Pozzato (Farnese Selle Italia)
7. Sep Vanmarcke (Garmin-Barracuda)

8. Maarten Wynants (Rabobank)

9. Lloyd Mondory (Ag2R)

10. Jens Keukeleire (GreenEDGE)

GP E3 HARELBEKE. Pokerissimo di Boonen. LIVE
Miei cari amici vicini e lontani, buongiorno ovunque voi siate e ben

venuti alla cronaca diretta della prima corsa belga di World Tour della stagione, il Gp E3 Harelbeke. Stamane c’è il sole anche in Belgio, condizioni ideali per assistere ad una grande gara.

Ore 11.58 – Il gruppo comincia a muoversi dalla piazza di Harelbeke per raggiungere il km 0. Tanta gente attorno ai corridori, come sempre da queste parti.

Ore 12.06 – Dopo una breve sfilata nel centro della città, la corsa ha preso puntualmente il via. Si tornerà a Waregem tra 203 chilometri per conoscere il nome del vincitore. 195 i corridori al via, non sono partiti il danese Lars Bak della Lotto Belisol ed il tedesco Dominic Klemme della Project 1t4i.

Ore 12.10 – Prima della partenza Fabian Cancellara è stato premiato con una speciale bottiglia di champagne per il trionfo ottenuto lo scorso anno in questa corsa. Insieme a Boonen e Pozzato, Cancellara è l’unico ex vincitore di questa corsa ad aver preso il via oggi.

Ore 12.20 – Andy Cappelle firma il primo attacco di giornata, ma l’impressione è che non andrà lontano.

Ore 12.28 – Andatura altissima, il gruppo sembra tarantolato e pedala ad una velocità di 50 all’ora.

Ore 12.31 – I tentativi di attacco si susseguono, ma il gruppo per il momento non concede spazio a nessuno.

Ore 12.34 – Problemi meccanici per il campione di Francia Sylvain Chavanel. Il gruppo continua la sua corsa a forte andatura.

Ore 12.43 – È il francese Steve Houanard a tentare adesso l’avventura solitaria.

Ore 12.49 – Caduta in gruppo. Tra i corridori costretti a mettere piede a terra anche Cancellera e Bennati della Radioshack. Probelìlemi anche per Roberts, Garcia, Hondo e Van Vooren. Cancellara riparte subito e rientra agevolmente in gruppo.

Ore 12.56 – Dopo 42 chilometri a tutta, il gruppo è nuovamente compatto.

Ore 13.05 – Si pedala a ritmo sempre altissimo verso i primi tratti in pavè e verso i primi dei tredici muri in programma oggi.

Ore 13.08 – La corsa si avvicina a Paddestraat, primo tratto impegnativo di pavè della giornata.

Ore 13.12 – Otto uomini si avvantaggiano in testa al gruppo, ci sono maglie della Omega Pharma Quick Step che guidano l’inseguimento.

Ore 13.22 – I fuggitivi sono Dockx, Gazvoda, Mørkøv, Sijmens, Ascani, Gatto, Hulsmans, Delfosse e Gaudin. 30″ di vantaggio.

Ore 13.32 – Un minuto di vantaggio per i 9 attaccanti ma la situazione è ancora in grande evoluzione. La Farnese Selle Italia è la prima squadra a cercare di fare saltare il banco, con tre uomini nella fuga.

Ore 13.37 – La fuga va, il vantaggio sale a due minuti. Dietro la Omega Pharma Quick Step sembra controllare.

Ore 13.48 – Il Paddestraat fa la differenza: la fuga vola via anche perché in gruppo c’è un rallentamento dovuto ad un passaggio a livello chiuso e qualche problema tecnico, al punto che Boonen deve cambiare bicicletta come d’altra parte ha già fatto anche Cancellara qualche chilometro fa.

Ore 13.52 – Il vantaggio dei 9 uomini al comando sale a cinque minuti. E tra poco più di 20 chilometri ci sarà il mitico Muur.

Ore 13.56 – È Iljo Keisse l’uomo incaricato dalla Omega di fare l’andatura in testa al gruppo.

Ore 13.59 – D’accordo che ci sono ancora tutti i muri da affrontare, ma il vantaggio si fa interessante: 6’45”.

Ore 14.08 – Il gruppo aumenta il ritmo avvicinandosi al Muur: il vantaggio dei fuggitivi cala a 5’40”. Nervosismo in gruppo, la corsa sta per entrare nel vivo. Tempo di panino e un boccale di birra per il vostro narratore. A fra pochi minuti.

Ore 14.20 – Cala ancora il vantaggio: 5’15”. La caccia è cominciata.

Ore 14.38 – Il gruppo recupera metro dopo metro: per i 9 attaccanti i minuti di vantaggio adesso sono 4. Messo alle spalle il Muur – sempre affascinante ma in questo caso decisamente troppo lontano dal traguardo per fare gola agli attaccanti – il prossimo muro in programma è La Houppe.

Ore 14.59 – 3’10” il distacco, sempre la Omega a dettare il ritmo. Boonen è evidentemente deciso a vincere questa corsa per la quinta volta.

Ore 15.04 – Non ci sono più speranze per i fuggitivi: altri venti secondi recuperato e il distacco che scende sotto i tre minuti.

Ore 15.08 – La Houppe, il distacco cala a 2’35”. C’è nervosismo continuo anche in coda al gruppo, qualche caduta, qualche sbandata.

Ore 15.13 – Ricordiamo i nomi dei fuggitivi – Dockx, Gazvoda, Mørkøv, Sijmens, Ascani, Gatto, Hulsmans, Delfosse e Gaudin – che a 73 chilometri dal traguardo hanno 2’18”. Foratura per Pozzato, rilanciato da Luca Scinto.

Ore 15.14 – Il caffè del Belgio non è proprio il massimo, ma qualcosa può fare anche lui in attesa che l’adrenalina del finale di corsa ci dia la scossa giusta.

Ore 15.16 – Settanta chilometri al traguardo, ormai 1’35” di vantaggio per i fuggitivi, mentre il gruppo si trova a pedalare sulle classiche stradine di campagna del Belgio.

Ore 15.17 – Ancora una caduta, ci sono 4-5 corridori che finiscono nel prato. Ancora una volta caduta avvenuta a 3/4 gruppo.

Ore 15.20 – Siamo sul Boemberg, quarto muro di giornata. Tutta la Omega schierata in testa al gruppo.

Ore 15.23 – Il gruppo toglie un po’ il piede dall’acceleratore, il vantaggio dei 9 risale a 1’59”.

Ore 15.27 – Sull’Eikenberg Muur si vedono davantio anche Paolini e Oss, con Barredo che per l’ennesima volta cerca di allungare. 1’49” la segnalazione del vantaggio. Foratura in salita per il campione spagnolo Rojas.

Ore 15.30 – Coinvolto nella caduta precedente, Sebastien Hinault è stato portato in ospedale. Intanto sembra che anche Jan Ghyselinck (Cofidis) abbia riportato la frattura della clavicola.

Ore 15.32 – Hushovd, che rientra oggi alle corse, è davanti a lavorare per i compagni Gilbert, Ballan e Van Avermaet.

Ore 15.33 – La tv belga Sporza dice che anche David Millar ha dovuto salire in ambulanza dopo la caduta.

Ore 15.34 – Stationberg, sesto muro di giornata, 61 km al traguardo e 1’32” per Hulsmans che continua a trascinare il gruppetto dei battistrada.

Ore 15.36 – Foratura di Visconti in vetta al muro, intanto anche oggi Philippe Gilbert non sembra in condizione e se mantiene in fondo al gruppo.

Ore 15.38 – Decisa azione degli uomini Garmin Barracuda in testa al gruppo. In poche centinaia di metri altri 15 secondi gadagnati dal plotone principale.

Ore 15.39 – Ag2r informa che Hinault ha varie escoriazioni e ferite al mento e al ginocchio ma non dovrebbe avere nulla di rotto.

Ore 15.41 – Muro di Taaienberg, Ascani fa il forcing tra i battistrada. 56 km al traguardo, 1’11” il vantaggio.

Ore 15.42 – Spettacolare azione di Tom Boonen, seguito da Vanmarcke e da un Cancellara impressionante. Con i tre entrano Paolini, Hoste e via via anche Ballan, Degenkolb e altri 4 o 5. Dietro una decina di uomini tra i quali Pozzato.

Ore 15.45 – Boonen e Cancellara hanno portato via un gruppo di una ventina di uomini che stanno andando a recuperare i sei superstiti della fuga iniziale. Mancano 53 km al traguardo.

Ore 15.49 – Situazione a 50 km dal traguardo: sei fuggitivi con 38 secondo sul gruppo Boonen e 55 sul grosso del plotone del quale fa parte tra gli altri Philippe Gilbert.

Ore 15.51 – Bella azione solitaria di Tony Gallopin, compagno di squadra di Cancellara. Al contrattacco escono Oss e Hoste, mentre il gruppo – forte di una sessantina di uomini – si ricompatta.

Ore 15.55 – Ottavo muro, sta per finire l’avventura dei fuggitivi: l’azione della Omega porta al riassorbimento di Oss. Il gruppo è sempre molto allungato. Dopo lo scollinamento, allunga Freire che guadagna 100 metri di vantaggio.

Ore 15.58 – Il braccio di ferro fra Omega e Radioshack continua: si sganciano luogotenenti di lusso come Bennati e Chavanel.

Ore 16.03 – A 42 km dal traguardo, i sei davanti – tra i quali sempre tre Farnese – hanno ancora 20 secondi di vantaggio, mentre dietro tira sempre e solo la Omega Pharma.

Ore 16.05 – Cade Wynants della Rabobank nelle prime posizioni, inevitabili rallentamenti in seno al gruppo.

Ore 16.06 – Gatto attacca sul Patterberg. Dietro riparte ancora Boonen, sempre marcato da Vanmarcke.

Ore 16.07 – Si ritira Gilbert, al momento l’ombra del corridore che abbiamo visto lo scorso anno.

Ore 16.08 – Entusiasma Gatto che è tutto solo al comando: il gruppo rallenta ed il veneto ne approfitta arrivando a 31 secondi di vantaggio a 36 km dal traguardo. È durissima, ma Oscar merita un grande applauso.

Ore 16.11 – Ecco il Vecchio Kwaremont. Azione di potenza di Cancellara!

Ore 16.13 – Cancellara, Boonen, Pozzato, Sagan e Vanmarcke guadagnano terreno.

Ore 16.14 – Foratura della ruota anteriore per Cancellara, proprio sul Muro. Sfortuna nera.

Ore 16.15 – Incredibile, Barredo travolge Cancellara mentre cambia la ruota. Lo svizzero prova a ripartire… Un meccanico resta a terra.

Ore 16.19 – Chavanel (Omega), Muravyev (Astana) e Spilak (Katusha) sono all’inseguimento di Gatto mentre Cancellara ha iniziato ad inseguire.

Ore 16.24 – A 26 km dal traguardo, Gatto pedala con 16″ sul terzetto inseguitorie, mentre il gruppo insegue a 1′; intercalato c’è un plotoncino con Pozzato, Vanmarcke e Sagan.

Ore 16.27 – Gatto sale il Knoteberg gestendo le energie e aspettando gli inseguitori, tra i quali è in difficoltà Spilak.

Ore 16.29 – Sfortuna nera anche per Gatto: fora ed è costretto a fermarsi a bordo strada in attesa dell’ammiraglia. Al comando restano Chavanel e Muravyev. Anche Ballan fa parte del gruppetto dei migliori, il gruppo di Cancellara è staccato di una ventina di secondi: impressionante il lavoro che sta facendo lo svizzero.

Ore 16.32 – Il gruppo di Cancellara torna su quello di Boonen. Ora tutti inseguono Chavanel e Muravyev che hanno 26 secondi di vantaggio a 20 dal traguardo.

Ore 16.37 – Dopo aver visto la Omega Pharma che al Catalogna ha fatto pagare a Valverde lo sgarbo della Parigi-Nizza, registriamo oggi che il gruppetto dei migliori non ha scatenato la bagarre quando ha forato ed è caduto Cancellara, agevolando almeno in parte il rientro dello svizzero. Evidentemente c’è chi in gruppo sa farsi voler bene e chi meno.

Ore 16.39 – Tiegenberg Muur, ultimo muro di giornata, 16 km al traguardo e 30 secondi per Chavanel e Muravyev.

Ore 16.40 – Attacca Devolder con Terpstra a ruota e dietro risponde Pozzato che rilancia. Si spacca il gruppo e i due al comando si ritrovano con soli 12 secondi.

Ore 16.46 – Accelerazione di Peter Sagan che porta via un gruppetto con Langeveld e Terpstra. Bello vedere i big scendere in campo in prima persona.

Ore 16.47 – Un biscotto d’Abbazia ci aiuta a smorzare la tensione in attesa degli ultimi esplosivi 10 chilometri di gara. Facile prevedere che avremo attacchi di coloro – Cancellara in primis – vogliono evitare la volata.

Ore 16.48 – Ancora Devolder, ancora Vacansoleil all’attacco anche se sembra davvero difficile andare via. La Liquigas Cannondale controlla le operazioni per giocarsi la carta Sagan in volata.

Ore 16.50 – Sette chilometri al traguardo, finisce l’avventura di Chavanel e Muravyev.

Ore 16.53 – Cinque chilometri, gruppo allungatissimo, sembra davvero difficilissimo andare via. Cinquanta uomini in gruppo, Boasson hagen, Hondo e Breschel si candidano per la volata. Con Boonen naturalmente.

Ore 16.55 – 4 chilometri, Sky in testa al gruppo con Stannard.

Ore 16.56 – Ai tre chilometri tenta la stoccata Leif Hoste, vecchio leone di queste strade.

Ore 16.57 – Ripreso Hoste ai meno 2 km.

Ore 16.59 – ultimo chilometro. C’è davanti la Saxo Bank. E appare come d’incanto Freire.

Ore 17.00 – Tom Boonen firma il pokerissimo e per la quinta volta in carriera conquista il Gp E3 Harelbeke battendo al fotofinish l’ottimo Oscar Freire. Miglior italiano Alessandro ballan, ottavo. Nessuna traccia in volata di Pippo Pozzato nè di Peter Sagan, che si è rialzato e al quale consigliamo di andarsi a rivedere le volate di Erik Zabel, che lottava con sportività anche per un piazzamento.
In conclusione di giornata, ennesimi applausi di stagion eper Boonen e la Omega (giunta a quota 21 vittorie), nuova bocciatura per la BMC (si salva solo Ballan), bocca amara per gli italiani con la Liquigas che ha raccolto poco e la Farnese che è mancata una volta di più nel suo finalizzatore, Pippo Pozzato.
Grazie per averci seguito in questa lunga giornata e appuntamento alla prossima.

da Waregem, il nostro inviato Nunzio Filogamo

Ordine d’arrivo
1. Tom Boonen (Omega Quick Step)
2. Oscar Freire (Katusha)
3. Bernhard Eisel (Team Sky)
4. Leonardo Duque (Cofidis)
5. Sep Vanmarcke (Garmin Barracuda)
6. John Degenkolb (Project 1T4i)
7. Alexandre Pichot (Europcar)
8. Alessandro Ballan (BMC)
9. Sebastien Turgot (Europcar)
10. Matti Breschel (Rabobank)

Fonte articolo, cronaca, ordini d’arrivo e foto: http://www.tuttobiciweb.com
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...