Freccia Vallone 2013: Rodriguez acciaccato? Nessun problema in casa Katiusha, ci pensa Dani Moreno ad aggiudicarsi la corsa. Sul podio Henao e Betancur. Dell’immensa Marianne Vos la prova femminile.

FRECCIA. Gran numero di Dani Moreno. LIVE

Battuti i colombiani Henao e Betancur
PROFESSIONISTI | Buongiorno amici e ben ritrovati sulle strade delle grandi classiche. Oggi l’appuntamento è comn la Freccia Vallone, 205 chilometri e dodici cote da affrontare con la triplice ascesa del Muro di Huy. Cliccando qui potete consultare l’elenco dei partenti e quello delle cote che ci aspettano in questa giornata calda, così come in Italia, con una temperatuta che è già superiore ai venti gradi.11.00 La piazza centrale di Binche è ormai piena, ma non tutti i corridori sono arrivati, le operazioni di foglio firma stanno proseguendo con lentezza davanti ad una piazza stracolma.

11.25 Ultimi saluti, ultimi applausi ed è già tempo di cominciare ad incolonnarsi in vista della partenza. La carovana dovrebbe muoversià alle 11.50, a mezzogiorno il via ufficiale. Abbiamo anche noi il tempo di un ultimo caffè – anche se vi raccomandiamo il caffé belga… – prima di iniziare la nostra fatica. Il problema è che alcune squadre sono rimaste bloccate da un ingorgo sull’autostrada E42 causa lavori in corso ed il via potrebbe essere rimandato di qualche minuto.

11.35 Bmc, Sky e Orica GreenEDGE le squadre coinvolte nell’ingorgo.

11.50 Dopo qualche minuto di concitazione e un caffé veramente poco raccomandabile, tutti i problemi sono risolti. Praticamente gli atleti della BMC hanno dovuto scendere di corsa dal pullman e saltare in sella, nemmeno il tempo di guardarsi attorno. I corridori si sono incolonnati e stanno sfilando nelle vie di Binche, c’è tanta gente a bordo strada, bambini e ragazzi hanno lasciato le scuole per seguire l’avvenimento, c’è una splendida aria di festa.

11.55 Intanto ha preso il via anche la Freccia Vallone femminile: 131,5 km da percorrere per le ragazze. Buona corsa, ci vedremo sul Muro di Huy.

11.56 Radio corsa informa che i partenti sono 197: è rimasto in albergo Daniele Pietropolli della Lampre Merida. Cercheremo di avere notizie sulle sue condizioni di salute.

12.04 Abbiamo contattato Andrea Appiani, addetto stampa di Lampre Merida ed ecco la spiegazione: Daniele Pietropolli è stato colpito nella notte da un attacco influenzale e non ha potuto prendere il via. Nelle prossime ore verrà valutato il decorso del problema in vista della Liegi-Bastogne-Liegi di domenica. Intanto segnaliamo che nel tratto che porta al via ufficiale, l’austriaco Thomas Rohregger è finito a terra. Per fortuna ha potuto rialzarsi senza problemi e riaccodarsi al gruppo.

12.08 Christian Prudhomme agita la bandierina e fischia: la Freccia Vallone è ufficialmente partita.

12.14 Inizio di corsa in discesa e quindi ad alta velocità: siamo al km 5

12.18 Cedric Pineau (FDJ) firma il primo attacco di giornata: al km 7 ha 12 secondi di vantaggio sul gruppo

12.28 Pineau ha pedalato da solo per 5 km, ripreso al chilometro 12

12.30 Si susseguono gli attacchi in testa al gruppo, ma al momento non si sgancia la classica fuga

12.35 Al km 20 ci provano Gilles Devilliers della Crelan e Pirmin Lang della Iam. Intanto vi confermiano che anche in Belgio, così come in Italia, si sta vivendo una giornata fuori stagione: sole caldo e temperatura splendida. Peccato che le previsioni per la Liegi di domenica non siano altrettanto favorevoli

12.40 Quella di Devillers e Lang sembra essere la fuga che va bene a tutti: il vantaggio sale rapidamente a 1’05”

12.44 Dal gruppo parte in contropiede Jurgen Van Goolen della Accent Jobs

12.50 La situazione al km 30 è la seguente: due uomini in fuga, a 1’10” Van Goolen e il gruppo a 3’10”

13.05 Jurgen Van Goolen ha coronato la sua rincorsa: ora ci sono tre uomini al comando con 3’30” sul gruppo

13.12 Il vantaggio dei tre belgi (due fiamminghi e un vallone, Devilliers) cresce ancora e arriva a 4’30”

13.20 Situazione stabilizzata, il vantaggio sale e supera i sei minuti. In gruppo i corridori sono tranquilli e si stanno rifocillando. E allora lo facciamo anche noi. Il tempo di un panino e torniamo in postazione, pronti ad interrompere lo spuntino in caso di notizie eclatanti.

13.40 Cominciano a muoversi gli squadroni in testa al gruppo: sono arrivati gli uomini di Blanco, Sky e Bmc

13.48 Siamo finalmente alla prima cote di giornata, la Cote de Narinne, per gli attaccanti, il vantaggio comincia a calare dopo aver toccato un massimo di 9’30”. In testa al gruppo anche i compagni di squadra di Alejandro Valverde

13.56 Prima cote affrontata, siamo al km 76,5 e Devilliers è scollinato per primo conquistando il premio in palio al gpm. Intanto sul Muro di Huy è passata la corsa femminile, mancano trenta chilometri al traguardo, selezione netta in gruppo, tra le altre sembra un po’ in difficoltà Noemi Cantele

14.05 Nuovo aggiornamento del vantaggio: 8’45” per i tre attaccanti, arrivano davanti anche i Saxo Tinkoff

14.10 125 km al traguardo e 8’30” di vantaggio per gli attaccanti. Il gruppo ha inseorabilmente cominciato la caccia. Media oraria delle prime due ore di corsa 43,5 kmh

14.16 Superata anche la Cote de la Gryonne con lang che transita per primo. 8’15” il distacco del gruppo

14.18 Caduta in gruppo: finisce a terra tra gli altri anche Jelle Vanendert della Lotto Belisol, uno dei pretendenti al successo finale.

14.22 Tutti regolarmente ripartiti i corridori coinvolti nella caduta. Sono finiti a terra al km 95 anche Ulissi e Stortoni, con il marchigiano costretto a cambiare la bicicletta. Ci avviciniamo al primo passaggio sul Muro di Huy

14.35 Coinvolto nella caduta, purtroppo si ritira Matteo Montaguti

14.40 I tre fuggitivi hanno scalato per la prima volta il Muro di Huy con Devillers che è transitato per primo. 7’30” il vantaggio sul gruppo

14.46 Argos e Vacansoleil in testa al gruppo al primo passaggio sul Muro: sulla linea del traguardo il distacco è di 6’25”

15.00 Mancano 81 km al traguardo e il vantaggio ora è di 5’10”

15.01 Intanto notizia dal Sudafrica: il francese Julien Antonmarchi (La Pomme Marsille) ha vinto la prima tappa del Tour Msanzi

15.18 Scusate la pausa, ci siamo dedicati un attimo al Giro del Trentino dove ha vinto Siutsou e la Sky ha messo subito in chiaro le cose.

15.20 Intanto Huy ha applaudito l’arrivo della prova femminile, vinta manco a dirlo da Marianne Vos. Per la formidabile olandese si tratta della quinta Freccia della carriera!Applaudi per Elisa Longo Borghini, giunta seconda

15.21 Ultimo cronometraggio di radiocorsa, 3’30” di vantaggio per Divillier, Lang e Van Goolen

15.27 Sessantasei chilometri al traguardo, 2’55” il vantaggio

15.34 Sessanta chilometri da percorrere, 155 alle spalle e vantaggio che scende irrimediabilmente: 2’25”. In testa al gruppo schierata in forze la BMC di Gilbert.

15.36 Cambio di bicicletta per il numero 101 Alberto Contador. Il gruppo intanto rallenta un po’ l’andatura, per non rientrare troppo velocemente sui tre fuggitivi.

15.43 Nonostante il rallentamento, crolla il vantaggio dei fuggitivi:1’07” a 54 km

15.44 In coda al gruppo caduta del colombiano Wilson Marentes, che riparte comunqe, seppur dolorante alla mano sinistra

15.45 I tre fuggitivi attaccano la Cote de Bellaire

15.51 50 km al traguardo, 29″ per i tre

15.57 Ennesima cote e finalmente comincia qualche accelerazione. Annullata la fuga, speriamo che cominci lo spettacolo perché finora si è visto davvero poco. Si sgancia Ten Dam, seguito dal giovane francese Bardet. In difficoltà Vanendert, che porta evidenti sul braccio destro le tracce della caduta

16.01 Venti secondi di vantaggio per Bardet e Ten Dam, in testa al gruppo si riposiziona la BMC con Markus Burghardt

16.07 Non c’è spazio per i fuggitivi: 24″ a 28 chilometri, sulla strada che porta nuovamente al Muro di Huy.

16.13 Trentatré chilometri al traguardo, 17 secondi per i fuggitivi che stanno per entrare nell’abitato di Huy

16.16 Foratura per Hesjedal ai piedi del Muro

16.17 Ten Dam resta solo sul Muro, dal gruppo parte Geschke

16.19 Geschke scollina per primo con Ten Dam secondo, poi il gruppo die big con Rodriguez che per la prima volta si fa vedere tra i primi.

16.21 Trenta al traguardo, 11 secondi per Ten Dam e Geschke, ma la corsa è ancora tutta da fare. Sul muro abbiamo potuto vedere Andy Schleck alla ruota di Philippe Gilbert. Intanto Hesjedal è riuscito a rientrare anche se ha compiuto un grande sforzo

16.24 Cunego e Ulissi attivi nelle posizioni di testa del gruppo. Spira vento laterale. È tempo di fare merenda anche per noi: scegliamo un gelato, sperando che sia meglio del caffè

16.34 Diciassette chilometri e 21 secondi per Ten Dam e Geschke. Per i pochi a cui può interessare, il gelato era davvero ottimo. Intanto anche Daniel Martin è costretto a cambiare bicicletta, giornata decisamente difficile per la Garmin

16.41 Lagutin ci riprova ad accelerare, seguito da un uomo della Katusha sulla cote d’Amay. Geschke e Ten Dam sono nel mirino. Intanto dall’Italia ci segnalano che ci sono grossi problemi sul circuito internazionale e che le immagini della corsa si vedono a scatti e rendono difficile capire l’andamento della gara stessa

16.43
Situazione a -11 dal traguardo: Ten Dam e Geschke hanno 4″ su Lagiutin e Vicioso e 12″ sul gruppo. A questo punto sarà spettacolo sull’ultima cote prima del Muro?

16.48 Cote de Villers les Bouillet, 9 chilometri al traguardo, tutti ripresi e parte un Orica GreenEdge, Travis Meier. Andy Schleck perde le ruote del gruppo

16.50 Molto bravo Damiano Caruso, che sta pedalando in terza posizione, intanto tutti i big si stanno curando l’un l’altro

16.52 Katusha davanti, Purito sta bene

16.54 Cinque chilometri, gruppo lanciato a tutta verso Huy

16.56 Meno di quattro chilometri

16.57 È volata per la vittoria, volata in salita

16.58 Comincia il Muro!

17.00 Scatta Betancur

17.01 Bel vantaggio, Gilbert in testa al gruppo. Grande numero del colombiano

17.02 Gilbert, Sagan. Moreno e Rodriguez inseguono. Poi Sagan si pianta e anche Gilbert si risiede, esce molto bene Dani Moreno

17.03 Dani Moreno sfreccia e infila Betancur a 50 metri dal traguardo! Vittoria spagnola con Henao secondo e Betancur terzo. Rinaldo Nocentini è il primo italiano al traguardo, decimo a 8″ dal vincitore. Concludiamo qui il nostro lavoro dalla postazione del Muro di Huy

ORDINE D’ARRIVO

1 Daniel MORENO FERNANDEZ KATUSHA TEAM 4:52:33
2 Sergio HENAO MONTOYA SKY PROCYCLING 0:00:03
3 Carlos Alberto BETANCUR GOMEZ AG2R LA MONDIALE 0:00:03
4 Daniel MARTIN GARMIN – SHARP 0:00:03
5 Michal KWIATKOWSKI OMEGA PHARMA-QUICK STEP 0:00:03
6 Joaquim RODRIGUEZ OLIVER KATUSHA TEAM 0:00:08
7 Alejandro VALVERDE MOVISTAR TEAM 0:00:08
8 Igor ANTON EUSKALTEL – EUSKADI 0:00:08
9 Bauke MOLLEMA BLANCO PRO CYCLING TEAM 0:00:08
10 Rinaldo NOCENTINI AG2R LA MONDIALE 0:00:08

Fonte cronaca, foto ed ordine d’arrivo: http://www.tuttobiciweb.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...